Bitcoin Core come funziona

Dall’anno del suo lancio effettivo nel mondo del web, avvenuto in data 3 gennaio 2009, il Bitcoin ha acquisito fama e grande notorietà tra gli economisti e gli appassionati di informatica.

Bitcoin Core come funziona? Guida al funzionamento del client ufficiale

Grazie all’intuizione del suo inventore, Satoshi Nakamoto, è stato possibile dare vita a tutta una serie di criptovalute derivate dall’invenzione stessa del Bitcoin, innovativo per la portata delle novità relative alle modalità di determinazione del valore (con implicazioni dal punto di vista della domanda e dell’offerta), del trasferimento del valore contenuto all’interno del proprio conto virtuale (trasferimento che può essere portato a termine in maniera pseudo-anonima) e della possibilità di contare sull’elevato livello di sicurezza garantito dalla crittografia.

Ma entrando più nel dettaglio, come funziona Bitcoin Core, il client ufficiale?

Il download del client

Come detto, il client ufficiale della rete Bitcoin prende il nome di “Bitcoin Core”. Concepito in forma di software libero (Free and open-source software), Bitcoin Core permette ai possessori di un conto Bitcoin di sfruttare una rete peer-to-peer al fine di effettuare transazioni della criptovaluta ideata da Nakamoto.

Il client è scaricabile direttamente dal sito ufficiale di Bitcoin, ma per farlo è necessario avere a disposizione più di 200GB di spazio libero all’interno del proprio disco rigido (o in un HDD esterno) al fine di archiviare nel PC in uso tutti i dati relativi all’intera blockchain esistente. In ogni caso, dopo aver verificato l’effettiva presenza di una notevole quantità di spazio nel computer in uso, è possibile procedere con il download del client al fine di procedere fin da subito con una conoscenza più approfondita del software.

Le funzionalità del client

Il funzionamento di Bitcoin Core è molto semplice. Oltre a ospitare al suo interno un sistema in grado di verificare una per una le singole transazioni effettuate, il client è in grado di connettersi alla rete in qualità di nodo singolo.

La possibilità di procedere con il trasferimento del valore della criptovaluta è gestita tramite un portafoglio virtuale, detto wallet, che permette di inviare o ricevere Bitcoin o portzione di Bitcoin, detti satoshi.

Va anche specificato che il client Bitcoin Core non funge minimamente da software per l’acquisto o la vendita di Bitcoin: al contrario, la funzionalità del client riguarda sostanzialmente la possibilità di trasferire (o ricevere) la criptovaluta, generando codici QR necessari per il completamento delle singole transazioni.

Per l’acquisto di Bitcoin invece potete utilizzare Coinbase, che permette di acquistare e vendere bitcoin e in seguito trasferirli nel vostro wallet, come quello presente in Bitcoin Core.

Il completamento di una transazione

Proseguendo con l’analisi del funzionamento di Bitcoin Core, il client ha il compito di convalidare la blockchain nella sua interezza con all’interno l’elenco di tutte le transazioni mai eseguite sulla piattaforma. Affinché un singolo utente possa portare a termine il trasferimento della criptovaluta, il download di Bitcoin Core è dunque essenziale.

Una volta eseguita la transazione, questa non risulterà confermata sino a quando non verrà verificata dal collettivo di tutte le altre transazioni eseguite in precedenza (da cui il nome “blockchain”, traducibile in “catena a blocchi” o “catena di blocchi”).

Ogni singolo blocco ha dunque il compito di portare a termine la transazione comunicando con il resto degli elementi della catena, dopodiché il trasferimento della criptovaluta potrà dirsi effettivamente confermato, andando a far parte a tutti gli effetti della catena preesistente.

Cosa sono e come funzionano i Bitcoin?

Bitcoin è considerata la regina madre di tutte le criptovalute, nate successivamente sulla base di logiche emulative. Si tratta della criptovaluta per eccellenza, nata per prima, che ha dato il via alla genesi di una nuova forma di denaro circolante.

La creazione di questa moneta matematica ha risposto all’esigenza di creare in un contesto economico mondiale di crisi, come quello registrato nel 2008-2009, una forza propulsiva nuova che ridesse fiducia al commercio sotto il profilo monetario.
Se pensiamo che bitcoin è utilizzabile da tutti, ovunque, senza limitazioni di orari, enti, sportelli bancari e quant’altro ci rendiamo conto del fatto che si tratta di una rivoluzione digitale che ha consentito alla creazione di una moneta per tutti, ovunque, che per nascere non ha dovuto attraversare le lungaggini legislative dei governi.

Bitcoin è una riserva di denaro paragonabile all’oro. Potremmo definirla oro digitale. Si usa come qualsiasi altro asset digitale e non conosce confini di leggi, limitazioni, imposizioni e regolamenti. E’ una moneta nata dall’uomo, per l’uomo.

Cos’è il bitcoin Wikipedia?

Il Bitcoin è un protocollo, una rete di pagamento e una valuta. In questa guida sarà illustrato cos’è il Bitcoin in Wikipedia.

Origine del Bitcoin
Il Bitcoin è stato originariamente proposto nel 2008, ma è stato lanciato nel gennaio 2009 da Satoshi Nakamoto.
Alla fine del 2016 presentava oltre 10 milioni di utenti e oltre 100.000 aziende in tutto il mondo che lo accettavano come mezzo di pagamento.
Attualmente, ogni mese, più di un milione di nuovi utenti utilizzano i Bitcoin.
La rete Bitcoin è la più sicura al mondo, alla fine del 2016 aveva già elaborato oltre 300.000 di transazioni giornaliere.

La rete Bitcoin
Bitcoin è formato da una rete di consenso che permette un nuovo sistema di pagamento con una valuta completamente digitale. È la prima rete di pagamento P2P (tra pari), essendo decentralizzata e guidata dai suoi utenti senza un’autorità centrale o da intermediari. Il suo design è così rivoluzionario che, in pochi anni, sta capovolgendo il sistema finanziario che tutti conosciamo, sostituendo completamente banche, carte di credito, SEPA, SWIFT e persino cifre come le banche centrali. È gratuito ma soprattutto è decentralizzato e si prende cura della privacy. Non è controllato da alcuna banca, governo o azienda. Dipende da una rete composta da computer di utenti im generale.

Cos’è e come funziona il mining?

Win or lose? Il mining è il processo di estrazione delle monete virtuali che giungono alla loro libera circolazione grazie al lavoro computazionale che fanno i miners, inarte “minatori” e i loro speciali computers dalla potenza di calcolo incredibile. Tecnicamente il lavoro che è chiamato a svolgere un singolo miner è quello di risolvere un problema matematico nel minor tempo possibile.

L’algoritmo del processo di mining inizia a funzionare nel momento in cui ciascun blocco di transazioni ha raggiunto il numero minimo necessario per essere iscritto nella Blockchain: il libro mastro contabile ufficiale dove vengono registrate tutte le transazioni effettuate in criptovalute. Raggiunto il numero minimo, le transazioni devono essere validate e inserite nel registro. Questa registrazione attraversa il processo di mining, un percorso grazie al quale i minatori collaborano tra di loro per aggiudicarsi il premio ( attualmente 12.5 btc, ma dopo l’halving del 2020 saranno 6.25 ) più le fee di validazione del blocco di transazioni. La fee consiste nella commissione della singola transazione compiuta, attribuita al vincitore che riuscirà a minare il blocco per primo.

Vincere la competizione significa, per ogni miner, aver avuto la fortuna di indovinare la soluzione del problema matematico attribuito alla convalida del blocco, unitamente alla somma di tutte commissioni correlate.

Cosa vuol dire minare?

Il mining è il processo tramite il quale il sistema Bitcoin crea la propria moneta.

Il sistema Bitcoin memorizza ed archivia tutti i trasferimenti di denaro in archivi speciali, comunemente chiamati blocchi, per poter aggiungere un blocco all’immenso archivio pubblico contenente ogni transazione effettuata sulla piattaforma, è indispensabile che un calcolatore riesca ad ottenere il codice di chiusura di tale blocco, operazione che può effettuare solo provando numerosi codici generati dall’elaboratore, fino a scovare quello giusto.

Una volta inserito il codice giusto il blocco verrà immediatamente congelato, impedendo qualsiasi ulteriore modifica.
A tutti coloro che riescono ad individuare il codice di cristallizzazione del blocco viene inviata come ricompensa la somma di ben 12.5 Bitcoin, corrispondente attualmente a circa 81.250 euro, questo significa minare Bitcoin.