Bitcoin Trading

Al Bitcoin va riconosciuto un merito: quello di aver contribuito ad una vera e propria rivoluzione della tecnologia e del mondo dei pagamenti. Nato nel 2009 per mano di Satoshi Nakamoto, il Bitcoin ha goduto negli anni seguenti di aumento di popolarità di dimensioni gigantesche.

Le domande che gravitano attorno all’universo della criptovaluta sono quindi moltissime, una su tutte come guadagnare appunto la criptomoneta. La risposta è piuttosto “semplice”: con il bitcoin trading. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

Bitcoin: cos’è?

Senza scendere in inutili tecnicismi, il Bitcoin è una valuta relativamente nuova, quindi una nuova tipologia di denaro.

Tale moneta non è controllata come accade per le valute tradizionali da un organo centrale, come ad esempio la Banca centrale di una qualche nazione, bensì è totalmente decentralizzata.

La convalida delle transazioni quindi è affidata agli utenti stessi, grazie ad una rete (network) di computer ad essa collegati. Esattamente come su Skype è possibile chiamare gratuitamente, in maniera altrettanto gratuita (o quasi) sarà possibile scambiarsi del denaro.

Il Bitcoin rappresenta di diritto il capostipite di tutte le criptovalute, e per essere trasferito necessita di un portafogli virtuale, un’applicazione denominata appunto wallet.

Il valore acquistato dalla moneta, cresciuto in maniera vertiginosa negli ultimi anni anche se non privo di crolli, è ciò che ha generato il grande interesse, grazie alle opportunità di guadagno offerte dal trading.

Bitcoin trading: cos’è e come funziona e come fare a guadagnare

Fare Bitcoin trading significa poter guadagnare dalle variazioni delle quotazioni della valuta senza doverla acquistare o vendere.

Per dirla in altre parole, appoggiandosi ad una piattaforma regolamentata, quindi ad un broker finanziario a tutti gli effetti, sarà possibile “scommettere” e di conseguenza guadagnare sia nel caso la moneta dovesse acquistare valore, che nel caso dovesse perderlo.

Il trading online negli ultimi anni ha goduto di un aumento notevole di popolarità. Parte di tale aumento è dovuto proprio alla sempre maggior diffusione del Bitcoin e delle criptovalute in genere.

Grazie allo sdoganamento del trading agli occhi delle persone, è diventato quindi possibile per chiunque trarre un profitto da tale pratica in maniera più semplice rispetto al passato.

In seconda battuta, la nascita di sempre più bitcoin trading app per poter operare comodamente dai device mobili, quindi smartphone e tablet, ha contribuito a portare direttamente nelle case delle persone questa opportunità di guadagno.

Nonostante come anticipato però sia più facile fare trading rispetto al passato, questo non deve essere preso come un gioco. Si deve tenere presente sempre che quando si parla di investimenti si deve prendere in considerazione anche la possibilità di perdere quanto investito.

Gli aspetti da tenere in considerazione per ridurre al minimo il rischio, sono molteplici e l’unico modo per farlo è quello di formarsi adeguatamente sul settore.

Il primo passo per fare trading? La scelta del broker

Il primo necessario passo per cominciare a fare trading, è la scelta del broker a cui affidarsi, quindi della piattaforma sulla quale operare.

Questi dovranno essere autorizzati e regolamentati, di semplice fruizione, ed offrire degli strumenti formativi adeguati per far sì che l’investitore riduca al minimo i rischi.

Il primo di tali strumenti è la possibilità di aprire un conto demo gratuito con il quale operare e fare trading ma solamente con denaro “virtuale”.