Notizie

Ultime notizie che riguardando il mondo delle criptovalute più famose e su cui è conveninente è investire, come ad esempio i Bitcoin, ma ne nascono moltissime quasi tutti i giorni e rimanere informati è fondamentale.

Ultime notizie sulle criptovalute e sui Bitcoin

Hardware

Articoli inerenti ai vari wallet hardware disponibili sul mercato delle criptovalute e Bitcoin: wallet o minare.

I migliori Wallet Hardware per criptovalute e Bitcoin

I migliori wallet specifici per poter conservare i Bitcoin

I wallet specifici per conservare i Bitcoin, dopo il loro acquisto, rappresentano lo strumento essenziale per mettere in sicurezza le monete virtuali.

Ecco i migliori presenti sul mercato.

Ledger Nano X

Definita dagli esperti come il wallet idealer per coloro che intendono acquistare i Bitcoin, Ledger Nano X si contraddistingue per il suo sistema operativo nativo, ovvero Bolos, realizzato dalla stessa casa produttrice.

In questo caso si parla di un sistema non Open Source che, di conseguenza, non possiede un codice interno che può essere modificato, offrendo quindi il massimo grado di sicurezza durante le varie operazioni svolte.

Questo wallet è compatibile con i sistemi operativi fissi Windows e Mac ma anche con quelli Android e iOS, rispettivamente a partire dalla versione 7.0 e 9, offrendo due modalità di connessione, ovvero tramite cavo USB o Bluetooth.

Qualora si decida di sfruttare la connessione wireless dopo avere constatato una buona quotazione dei bitcoin euro, i dati che possono essere conosciuti da fonti esterne sono solo quelli pubblici, mentre i critici vengono protetti da una schermatura che impedisce di risalire alla fonte e quindi consentire agli hacker di svolgere operazioni tutt’altro che corrette.

Con questa chiavetta è possibile realizzare una rubrica di media ampiezza nella quale memorizzare le chiavi private degli indirizzi dove sono presenti i Bitcoin, proteggendo le suddette informazioni da fonti esterne.

Di conseguenza nessun furto virtuale della criptovaluta, che viene protetta totalmente al contrario di quanto accade conservando la moneta virtuale usufruendo di servizi talvolta privi di sistemi di protezione certificati.

Pertanto uno strumento molto sicuro da utilizzare per proteggere i propri bitcoin.

Tezor Hardware wallet

Seppur il design potrebbe non essere di proprio gradimento, il wallet Tezor Hardware rappresenta un’ottima scelta per quanto concerne la sicurezza.

I vari indirizzi dei bitcoin, infatti, vengono tenuti al sicuro all’interno della memoria di questo wallet, che previene quindi l’attacco da parte di virus quali malware e spyware che sono abbastanza dannosi e che, spesso, sono sinonimo di furto dei bitcoin.

Il fulcro vero e proprio della sicurezza offerta da questo wallet fisico consiste nel fatto che ogni transizione che deve essere svolta necessita non solo dell’autorizzazione mediante l’inserimento del codice pin, ma anche premendo i due tasti fisici che contraddistinguono questo strumento.
Pertanto da remoto è impossibile svolgere ogni genere di operazione che vede protagonista questa moneta virtuale, ovvero i bitcoin, dato che viene richiesta anche un’autorizzazione fisica.

La frase chiave, composta da 24 caratteri, serve invece per accedere alle informazioni presenti nel wallet tramite l’apposito software: questa frase, che deve essere necessariamente realizzata in fase di installazione dello strumento nel computer, permette di accedere all’ultimo backup effettuato dalla chiavetta.

Inoltre il codice pin manda subito in blocco il wallet qualora tale informazione dovesse essere inserita in modo errato, evitando quindi che il codice stesso possa essere in qualche modo scoperto.
Inoltre questo modello di wallet fisico offre anche un ulteriore tipo di sicurezza, ovvero l’impossibilità di tracciare lo stesso: non essendo caratterizzato da un codice seriale, questo strumento non permette di risalire a chi sta svolgendo operazioni con questa moneta virtuale dopo aver scoperto la quotazione dei Bitcoin.

Pertanto uno strumento abbastanza valido che offre un solo tipo di connettività, ovvero quella diretta al computer nel quale si intende operare.